Obbligo pneumatici invernali: ecco quando entrerà in vigore nel 2020

Le date che sanciscono l’obbligo di gomme invernali al momento non hanno subito modifiche: vediamo nello specifico quando entrerà in vigore nel 2020.

Il 2020 è un anno fortemente influenzato dalle conseguenze dell’emergenza Coronavirus anche per gli automobilisti, fra lockdown e deroghe agli obblighi previsti dal Codice della strada. Al momento la situazione per quanto riguarda l’obbligo di gomme invernali non ha subito dei cambiamenti: dunque quando entrerà in vigore nel 2020? Le date sono quelle consuete: a livello nazionale si parte dal 15 ottobre e con 30 giorni di tolleranza a disposizione, si avrà tempo sino al 15 novembre per provvedere alla sostituzione dei pneumatici estivi con quelli invernali (da lasciare a bordo fino al 15 aprile). Bisogna però tenere conto delle normative locali, che anticipano l’obbligo nelle aree più fredde del paese al 1° ottobre e lo posticipano in quelle più calde – considerando ovviamente il mese di tolleranza – anche sino al 15 dicembre.

Suggerimento: Vuoi acquistare le gomme per il prossimo inverno? Ecco la classifica dei migliori pneumatici invernali.

I termini da rispettare

I termini previsti (che siano a livello regionale oppure nazionale) devono essere rispettati per evitare di incorrere in sanzioni pecuniarie e non solo. Se in caso di controlli si hanno a bordo gomme diverse da quelle invernali laddove è obbligatoria la loro presenza, sono previste delle multe: partono da un minimo di 41 euro e fino a 168 euro se l’accertamento è avvenuto all’interno di un centro abitato, mentre si sale da 84 sino a 355 euro se tale infrazione viene riscontrata al di fuori dei centri abitati. Ecco perché il rispetto dei termini è fondamentale e quest’anno serve ancor più attenzione alle date, visto che potrebbero essere soggette a cambiamenti com’è avvenuto la scorsa primavera, nella quale è stato deciso di aumentare di 30 giorni il periodo di tolleranza per venire incontro agli automobilisti costretti a circa due mesi di clausura forzata.

Chi non è soggetto all’obbligo delle gomme invernali

Ovviamente non tutti gli automobilisti sono soggetti all’obbligo delle gomme invernali, ma soltanto coloro che adoperano pneumatici stagionali, ovvero estivi ed invernali alternandoli in base alla stagione. Quest’ultima tipologia di coperture è contrassegnata da due sigle: M+S e 3PMSF. La prima distingue a livello normativo le gomme invernali: se si hanno a bordo coperture con dicitura M+S (fango e neve, dall’inglese mud+snow) si è al riparo da eventuali sanzioni; tuttavia i produttori usano un’ulteriore distinzione per i pneumatici termici – altro nome con cui vengono identificati gli invernali – e si tratta della sigla 3PMSF, acronimo di 3 Peaks Mountain Snow Flake, accompagnata dal simbolo di un fiocco di neve collocato all’interno del profilo di una montagna con tre punte. Le gomme dotate di queste sigle sono a tutti gli effetti invernali.

I pneumatici quattro stagioni

Gli automobilisti che hanno a bordo della loro auto i pneumatici quattro stagioni non sono soggetti all’obbligo delle gomme invernali, così come coloro che hanno nel portabagagli le catene da usare a seconda delle necessità. Chi monta all season dispone di coperture adatte all’utilizzo durante la stagione fredda, a patto che le gomme riportino le diciture M+S e 3PMSF. Questi pneumatici nel periodo invernale sono perfettamente a norma, poiché studiati per essere impiegati tutto l’anno, sia in estate che in inverno, e dunque con essi non si corre il rischio di sanzioni o il fermo del veicolo, a cui si può andare incontro in caso di gomme “fuori legge”. Tuttavia le all season non sono efficienti come le invernali soprattutto in condizioni estreme, perciò nel caso di inverni rigidi sono da preferire le gomme termiche alle 4 stagioni – seppur a norma di legge – perché strutturate appositamente per situazioni di scarso grip dovuto alla presenza di neve e ghiaccio abbondanti sull’asfalto.